| Call :

+ 84 4 3747 3482

Trip Finder

Fast Enquiry




Enter the result you see above:

GEOGRAFIA & POSIZIONE

La Thailandia è uno Stato del sud-est asiatico, confinante con Laos e Cambogia a est, golfo di Thailandia e Malesia a sud, con il mare delle Andamane e il Myanmar a ovest e con Myanmar e Laos a nord. Con i suoi 513.120 km² di superficie, la Thailandia presenta un territorio molto vario, caratterizzato da aree profondamente diverse per conformazione naturale e clima. Il clima della Thailandia è molto peculiare, perché può essere suddiviso in tanti microclimi. Questo a causa della particolare forma geografica del paese che si sviluppa in senso meridiano. In generale, il clima della Thailandia è tropicale monsonico e vi si possono distinguere tre stagioni: un periodo fresco e asciutto, da novembre a febbraio, quando soffia il monsone nord-occidentale; un periodo molto caldo, da marzo a metà maggio; la stagione delle piogge, da maggio a novembre, determinata dal monsone sud-occidentale.

 

POPOLAZIONE & CULTURA

La Thailandia conta circa 66 milioni di abitanti. Circa il 75% della popolazione della Thailandia è di etnia Thai. Vi sono alcune minoranze etniche tra cui Mons, Khmer, e varie tribù delle colline, ma grazie all'unità del sistema di istruzione, a tutti viene insegnato il Thai e il Thailandese è la lingua ufficiale. La principale minoranza non-Thai è rappresentata dai cinesi, che hanno storicamente giocato un ruolo molto importante nell'economia, specie se rapportato alla loro consistenza numerica.
 

La religione ufficiale in Thailandia è il Buddhismo Theravada che è la radice di quella che è la cultura thai, professato da circa il 95% della popolazione e introdotto nel Paese nel 329 a.C. Il Buddhismo esercita una forte influenza nella vita quotidiana del popolo thai e i monaci sono figure molto rispettate. In Thailandia c’è però una grande tolleranza religiosa che è prerogativa positiva e della base della cultura thailandese. Cio’ permette la pacifica convivenza di altre fedi come l’islamismo (4%), il cristianesimo (1%) e l’induismo. La gentilezza e la calma nei modi e nei comportamenti sono i tratti che caratterizzano la popolazione e la cultura tailandese, così come la proverbiale ospitalità. La filosofia di vita che contraddistingue i Tai è sanuk, ‘divertimento’, ogni giorno infatti è celebrato con cibo e conversazioni, ogni festa straniera è adottato come una scusa per fare una festa e divertirsi.

 

STORIA

Fra tutti i paesi del Sud est asiatico, la Thailandia è l’unica a poter vantare un invidiabile primato: nei suoi ottocento anni di storia non è mai stata colonizzata. E l’orgoglio storico versoquesta esclusiva condizione di libertà è profondamente scritto in quella specie di codice genetico che è il nome di una Nazione: Thailandia significa infatti “la terra degli uomini liberi”. La Regione era prima conosciuta come Sien dai Cinesi, e come Siam dai primi “Farang” che raggiunsero la penisola intorno ai primi del 12° secolo. Fu nel 1939, con l’avvento del regime democratico, che il nome dell’antico regno venne cambiato in quello moderno di “Regno di Thailandia”. I due periodi di maggiore splendore e che più hanno segnato la storia di questa regione sono il Regno di Sukhothai e il Regno di Ayutthaya. Nel XIII secolo emerse tra i popoli tai quello dei siamesi, gli odierni thai, che si ribellarono ai Khmer e crearono nel 1238 il Regno di Sukhothai, del cui periodo ancora oggi possiamo vedere i resti. Nel 1350 il principe thai Uthong fondò il Regno di Ayutthaya, che nel 1431 saccheggiò Angkor, capitale dell'Impero Khmer, e nel 1438 annesse il Regno di Sukothai. In questo periodo il buddhismo theravada divenne il credo predominante. Alla fine del XIII secolo il re di Sukhothai Ramkhamhaeng introdusse l'odierno alfabeto thai, mutuato dall'antico khmer. Sukhothai prima, ma soprattutto Ayutthaya dopo, divennero potenze di primo piano nel sudest asiatico.


Fino al 1932 il sistema di governo era la monarchia assoluta e il sovrano aveva pieni poteri nel suo regno e sui suoi sudditi. In seguito alla rivoluzione siamese del 1932 il re fu costretto ad accettare il passaggio alla monarchia costituzionale, in cui il potere del re è limitato al ruolo di figura guida e simbolo della nazione. Il popolo thailandese ha ancora oggi una grandissima venerazione per il suo re e gli riconosce tale ruolo.

alt
Travel tips Download
Download Now
alt
Watch Our Video Tour
alt